Milano - 15/12/2016
MISE, dal 2017 primo strumento per la valutazione della sicurezza offshore
Comunicato stampa
Torna alla pagina precedente

Sarà operativo dal 2017 il primo strumento per la misurazione, la valutazione e il confronto dell’esito di tutte le azioni a tutela della sicurezza dei lavoratori, degli impianti e dell’ambiente, realizzate per le operazioni offshore in Italia. L’ Indicatore sintetico della Sicurezza nasce da un network di Università, Centri di Ricerca e Corpi dello Stato, promosso e costituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico, in conformità alle prescrizioni della Direttiva 2013/30/UE sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi e con l'obiettivo di di facilitare il dialogo con amministrazioni locali e cittadinanza.

Già a partire dal 2014, in risposta alla rilevanza crescente e al forte interesse nel panorama europeo e internazionale sulla sicurezza delle attività in mare, la Direzione Generale per la Sicurezza delle attività energetiche del Mise ha avviato una serie di accordi per gli impianti offshore. In totale, 12 accordi con Corpi dello Stato (Marina Militare e Corpo delle Capitanerie di Porto), con Università (Politecnico di Torino, Università La Sapienza, Università di Bologna, CRIET Milano), con Enti di Ricerca (AMRA, INGV, IREA, ISMAR, OGS, RSE).

Grazie ai primi risultati, conseguiti con enti partner nel corso del 2016 nei rispettivi ambiti di ricerca, è oggi disponibile un prototipo dello strumento, basato su 3 indicatori di performance: infortuni sul lavoro, attività aero-navale di pattugliamento, sopralluoghi ispettivi sulle infrastrutture. Entro il 2017, l’Indicatore sintetico della Sicurezza sarà operativo a regime e potrà fornire di conseguenza una valutazione in forma molto semplice - dal confronto diretto di valori numerici - del livello di sicurezza nazionale. Il progetto - che si colloca all'avanguardia non solo in Europa ma anche a livello internazionale - è stato presentato oggi dal Direttore Generale del Mise, Franco Terlizzese, in occasione dell’evento Il network per la sicurezza offshore - Risultati 2016, promosso insieme all’Università Bicocca.