Consiglio Nazionale Ricerche - Roma - 31/07/2018
BLUEMED - Ricerca e Innovazione per la crescita blu in Italia e nel Mediterraneo
La DGS-UNMIG alla tavola rotonda "Azioni coordinate in Italia per la crescita blu"
Torna alla pagina precedente

La DGS UNMIG ha preso parte alla tavola rotonda Azioni coordinate in Italia per la crescita blu nell'ambito dell'evento nazionale BLUEMED-Ricerca e Innovazione per la crescita blu in Italia e nel Mediterraneo organizzato dal CNR.
Durante il suo intervento la dott.ssa Marina Sacco ha illustrato le maggiori attività della Direzione nel settore "mare", con focus sulle politiche su cui è impegnata attivamente in un'ottica di crescita blu. In particolare è stato presentato il Decreto Legislativo 104 del 2017 che ha previsto l emanazione di "Linee guida nazionali per la dismissione mineraria delle piattaforme per la coltivazione degli idrocarburi in mare e delle infrastrutture connesse al fine di assicurare la qualità e la completezza della valutazione dei relativi impatti ambientali". Il decreto costituisce ad oggi un primo passo per identificare le migliori tecnologie per la dismissione mineraria che siano compatibili sotto i profili ambientali e sociali e per valutare anche eventuali usi alternativi in ottica di economia circolare e crescita blu. La dott.ssa Sacco ha poi proseguito presentando i lavori del tavolo interministeriale di coordinamento sulla pianificazione dello spazio marittimo a cui la Direzione ha partecipato nel 2017 al fine di definire le linee guida approvate con DPCM 1 dicembre 2017 e accennando alla partecipazione della Direzione al tavolo BlueMED per gli aggiornamenti dell agenda strategica per la ricerca e l innovazione.
L' intervento ha riportato infine le attività che la Direzione porta avanti nell'ambito di CLYPEA, il network che mette in relazione centri di ricerca università e istituzioni e che dal 2014 ha conseguito importanti risultati nel campo della definizione di un indicatore composito di sicurezza nazionale nel settore minerario ed energetico che considera diversi fattori tecnico economici, sociali e ambientali.
www.bluemed-initiative.eu