GeoThermExpo 2010
Intervento del direttore dell'UNMIG al Salone sull’Energia Geotermica
Ferrara 21 settembre 2010

Torna alla pagina precedente
    

Presso il Centro fieristico di Ferrara dal 21 al 23 settembre 2010 è in programma la seconda edizione del GeoThermExpo 2010.
Al convegno di apertura di martedì 21, ha partecipato tra gli altri la Direzione generale per le risorse minerarie ed energetiche, rappresentata dall'ing. Antonio Martini - direttore dell'UNMIG. Nell'intervento del rappresentante ministeriale è stato evidenziato il forte impulso dato recentemente all'uso delle fonti di energia rinnovabili, coerentemente con la Strategia Energetica Nazionale ed alle previsioni del recente Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili, dove anche la geotermia svolge un ruolo importante.
Infatti l'obiettivo a breve dell'1% del fabbisogno energetico complessivo da fonti geotermiche, che dovrà superare il 2% nel 2030, e' una sfida da raccogliere, tenendo presente però che ciò sarà possibile solo con un diffuso utilizzo dei fluidi a media e bassa entalpia, ampiamente disponibili sull’intero territorio nazionale.
La legge sviluppo, Legge 23 luglio 2009, n. 99, ed il conseguente decreto legislativo di riordino della normativa di settore, Decreto Legislativo 11 febbraio 2010, n. 22, rappresentano il necessario presupposto per il rilancio del settore attraverso le forti semplificazioni introdotte nelle procedure autorizzative.
Si ritiene, peraltro, che la regolamentazione a livello regionale potrà fornire ulteriori impulsi di semplificazione e valorizzazione. Gli altri due pilastri su cui si basa l'approccio di politica energetica in atto sono l'implementazione della conoscenza, attraverso l'aggiornamento dell'inventario delle risorse geotermiche in stretta collaborazione con le regioni, e la promozione del sostegno finanziario della risorsa geotermica.
A tal fine sono stati recentemente messi in campo dal Ministero strumenti di incentivazione ad hoc, che ricadono nell'ambito degli interventi attuati con i fondi strutturali, sia nel campo dello sviluppo delle nuove tecnologie anche in campo geotermico che del credito, riferito in particolare a progetti di geotermia a media e bassa entalpia, per mezzo di un'apposita sezione del Fondo di Garanzia per le PMI, già operativo.