Commissione internazionale ICHESE
Commissione tecnico-scientifica per la valutazione delle possibili relazioni tra attività di esplorazione per gli idrocarburi e aumento di attività sismica nel territorio della regione Emilia Romagna colpita dal sisma del mese di maggio 2012
Torna alla pagina precedente

La commissione internazionale ICHESE (Commissione tecnico-scientifica per la valutazione delle possibili relazioni tra attività di esplorazione per gli idrocarburi e aumento di attività sismica nel territorio della regione Emilia Romagna colpita dal sisma del mese di maggio 2012) si è insediata il 2 maggio 2013 e si è riunita a Roma nei giorni 19, 20 e 22 giugno 2013; inoltre, ha effettuato un sopralluogo nei luoghi del terremoto del maggio 2012 e agli impianti di Cavone il giorno 21 giugno.

La Commissione, la cui composizione garantisce competenze nei settori della tettonica, sismologia, tecnologia delle perforazioni, sismicità indotta e attività di esplorazione e stoccaggio degli idrocarburi, è stata incaricata di svolgere gli approfondimenti necessari a rispondere ai seguenti quesiti, relativi specificatamente al territorio colpito dagli eventi sismici del maggio 2012:
  1. è possibile che la crisi sismica emiliana sia stata innescata dalle ricerche sul sito di Rivara effettuate in tempi recenti, in particolare nel caso siano state effettuate delle indagini conoscitive invasive, quali perforazioni profonde, immissioni di fluidi, ecc.?
  2. è possibile che la crisi sismica emiliana sia stata innescata da attività di sfruttamento o di utilizzo di reservoir, in tempi recenti e nelle immediate vicinanze della sequenza sismica del 2012?
Il 19 giugno la Commissione dopo un primo scambio di informazioni in possesso dei membri della Commissione, ha sentito il prof. Domenico Giardini, coordinatore del settore rischio sismico della Commissione Grandi Rischi, il prof. Stefano Gresta e il dott. Claudio Chiarabba, presidente e direttore del settore terremoti dell’INGV, e il prof. Marco Mucciarelli, direttore Centro Ricerche Sismologiche dell’OGS. Il prof. Giardini, che assiste ai lavori della commissione ICHESE come osservatore esterno, ha ricordato che la Commissione Grandi Rischi utilizzerà i risultati finali della Commissione ICHESE per i propri compiti istituzionali.

Il giorno 20 sono state sentite le compagnie che hanno operato o operano nel territorio interessato dalla sequenza sismica del maggio 2012, in particolare GAS PLUS ITALIANA, ENI, STOGIT, SOCIETÀ PADANA ENERGIA, prendendo visione dei dati messi a disposizione. È stata inoltre sentita la RIVARA GAS STORAGE, che aveva presentato alle autorità competenti un progetto di stoccaggio nel sito di Rivara.
La Commissione, inoltre, ha definito gli argomenti da approfondire nei prossimi mesi, per poter rispondere nella maniera più ampia e completa ai quesiti posti, sulla base delle conoscenze e dei dati acquisiti e le modalità di redazione dei documenti finali.

La commissione, ben conscia dell’importanza e della delicatezza del compito assegnatole, e della necessità di evitare qualsiasi fraintendimento, ha deciso di comunicare con i media e con il pubblico, durante l’esecuzione dei lavori, unicamente attraverso comunicati. Il rapporto finale e i relativi allegati, che comprenderanno un sommario esteso contenente le risposte ai quesiti e le principali conclusioni del lavoro svolto, saranno consegnati al Dipartimento della Protezione Civile entro il termine fissato.

Roma, 22 giugno 2013

Il Presidente della Commissione ICHESE: Prof. Peter STYLES
Il Segretario della Commissione ICHESE: Prof. Paolo GASPARINI

Pagina aggiornata il 15 aprile 2014