Infortuni
Anno 2012
Responsabile dell'aggiornamento:
Torna alla pagina precedente

Nell’ambito delle attività di ricerca, coltivazione e stoccaggio di idrocarburi (ad esclusione della Sicilia on-shore), nel 2012 si sono verificati un totale di 36 infortuni (19 nello svolgimento di attività di perforazione, 15 di produzione, 2 di stoccaggio), nessuno dei quali mortali. Dei 36 infortuni denunciati, 32 possono essere definiti come specifici delle attività O&G. I restanti infortuni, avvenuti nell’ambito di concessioni/permessi e quindi opportunamente denunciati agli Uffici Territoriali UNMIG, non si sono tuttavia verificati nello svolgersi di attività O&G (es. ingestione accidentale di pezzetti di vetro durante un pasto oppure fratture da caduta causata dal mare mosso, etc). Dei 36 infortuni denunciati agli Uffici UNMIG Territoriali, il 44% è classificato di entità grave (con prognosi superiore a 30 giorni) e il 56% non grave. Considerando il numero totale sopra indicato di infortuni denunciati e di ore lavorate (9.159.503 ), nel 2012 è stato registrato un LTIF (Lost Time Injury Frequency) pari a 3,93.

Si segnala inoltre che nel 2012:
Infine, si riporta un confronto tra indici infortunistici 2012 e dati storici, suddivisi per le attività di perforazione e produzione:

PERFORAZIONE19952009201020112012
Metri perforati13756580521566405581051476
Incidenti Occorsi12124121319
Indice aggregato
[incidenti/metro perforato]
8,80 E-042,98 E-042,12 E-042,33 E-043,69 E-04
Variazione rispetto
all'anno 1995
-0,66-0,76-0,74-0,58

PRODUZIONE19952009201020112012
Gas [miliardi di Smc]20,47,97,98,38,5
Petrolio [milioni di tonn]5,24,55,15,35,4
Totale [milioni di tep] (*)2,15 E+0110,821,14 E+0111,941,22 E+01
Incidenti Occorsi12527351515
(*) 1 Mm3 di gas = 800 tep

Mentre si nota che l’indice infortunistico relativo alla produzione rimane praticamente invariato tra 2011 e 2012, per la perforazione, il numero di incidenti per metro perforato aumenta del 60% circa. Pertanto le principali criticità a livello di sicurezza dovranno essere individuate dagli Operatori nell’ambito della perforazione - con particolare focus sulle attività di movimentazione dei carichi e montaggio/smontaggio equipments - e di conseguenza mitigate in modo adeguato. È quindi opportuno intensificare i controlli nei confronti dei contrattisti di perforazione, verificando la costante implementazione sul campo delle procedure di safety.